Crea sito
 

 

 

 
 

Giovane scriba dell'antico Regno, calcare dipinto - museo Egizio Torino

 

La figura dello scriba nacque con la necessitą di inventariare con precisione gli enormi ammassi di derrate alimentari in entrata ed in uscita dalla casa del Faraone.
I tempi di formazione dello scriba erano lunghi, si andava dalla copiatura dei testi redatti in
geroglifico corsivo, alla compilazione di miscellanee da opere letterarie. Solo gli alunni pił dotati, quelli che apprendevano la difficile arte del geroglifico monumentale, quello pił complicato, riuscivano ad arrivare a corte.
Lo scriba, consapevole del ruolo che ricopriva, custodiva gelosamente i segreti della sua professione e li tramandava di generazione in generazione.
I suoi tradizionali strumenti di lavoro erano uno stilo, un astuccio con gli incavi per contenere l'inchiostro in pasta, una cordicella e, appeso, un piccolo contenitore per l'acqua in cui intingere e ripulire i pennelli.
Gli scribi scrivevano sul papiro, facile da raccogliere e trasportare e che, opportunamente lavorato, formava fogli resistenti e morbidi allo stesso tempo. Gli scribi provvedevano ad incollarli uno all'altro in caso di testi estesi. Inutile dire che la professione di scriba era la pił difficile ed ambita di tutto l'antico Egitto.

 

  Torna a Egitto

Home